Come eliminare il grillotalpa

Ultimo aggiornamento: 06.10.22

 

Debellare alcuni insetti che minacciano la salute e la crescita del proprio orto è possibile. In questo articolo scopriamo come eliminare il grillotalpa.

 

Pochi sanno che il grillotalpa appartiene a una famiglia di insetti chiamata scientificamente, per l’appunto, Gryllotalpa. Si tratta di un grillo molto diverso da quelli a cui potete essere abituati, infatti è atipico: preferisce l’ombra e la vita notturna, prevalentemente sotto terra.

Possiede fino a sei zampe, tutte particolarmente robuste, e talmente forti che riesce a scavare gallerie molto lunghe. Infatti, non è difficile trovare buche profonde più di un metro: del resto devono permettere al grillotalpa di muoversi e riposare, essendo lui di circa 5 cm.

Tra i suoi principali predatori si trovano sicuramente i volatili come i merli, oppure i toporagni e le talpe, che spesso e volentieri incontrano scavando sotto terra. In più, è difficile incontrarlo in superficie, ecco perché desta particolare fastidio a chi si prende cura del proprio orto in maniera accurata e a dir poco maniacale. I suoi danni, infatti, sono ben visibili, ma come fare a eliminare la sua presenza senza causare problemi alle piante?

Una domanda da un milione di euro? No, per fortuna i rimedi ci sono e sono anche alla portata di tutti. Per esempio, si possono utilizzare speciali esche chimiche che permettono di intrappolarlo ed eliminarlo completamente. Oppure di catturarlo per far studiare gli insetti ai vostri figli tramite un microscopio per bambini. Ma se volete approfondire, seguiteci con la lettura dei paragrafi successivi.

 

Diffusione e caratteristiche

A differenza di ciò che si può pensare, il grillotalpa è diffuso praticamente in tutta Europa, fatta eccezione per Norvegia, Islanda e alcuni altri Paesi settentrionali. Inoltre, è facile trovarlo anche in Asia e in Africa, oltre che negli Stati Uniti, dove è stato importato tramite piante ornamentali. Come si può vedere, è praticamente ovunque, perciò non c’è da stupirsi di trovarlo proprio nell’orto del proprio giardino.

Bisogna invece armarsi di pazienza e cercare di capire innanzitutto come riconoscerlo. Le sue caratteristiche principali sono: colorazione bruna del corpo, formato a sua volta da una testa, dalle zampe anteriori e posteriori, e dal torace, che è lungo e slanciato. Nella sua forma adulta è lungo circa 5 cm, ma può anche essere più piccolo, fino a 40 mm. In più, depone le uova sul terreno durante il periodo tardo-primaverile: la tana del grillotalpa è invece generalmente sotto terra.

Cause

Come abbiamo anticipato, tra gli insetti del terreno, il grillotalpa compare molto di frequente. Ciò che lo attira più di ogni altra cosa sono il terriccio umido, morbido e anche poco curato. Infatti, tra le cause dell’infestazione di grillotalpa possiamo trovare anche una scarsa o cattiva manutenzione del tappeto erboso, così anche delle aiuole. In questi casi l’insetto tenderà a insediarsi più facilmente, stabilendosi all’interno del suolo senza troppi problemi e iniziando a infestare anche l’orto e il giardino.

In più, tra le cause si trovano anche i residui di foglie secche, ma anche di ortaggi come carote e patate. Questi ultimi dovranno necessariamente essere eliminati dal suolo il prima possibile, perché sono proprio quelli che danno l’impressione al grillotalpa di potersi insediare e nutrire delle loro radici.

Insomma, se dovessimo fare una lista di quali sono gli elementi che attirano di più il grillotalpa, dovremmo anche sottolineare l’importanza di un elemento: l’arieggiatore. Questo strumento servirà non solo per far ossigenare bene il terreno, ma anche per rimuovere tutti i resti delle piante ricche di sostanze amidose e che tendono a decomporsi facilmente. Tra gli altri fattori che attirano questo insetto c’è anche la concimazione con prodotti naturali poco maturi e molto umidi. Perciò, quando decidete di andare dal giardiniere di fiducia per acquistare un compost, assicuratevi che non attiri l’attenzione del grillotalpa.

Danni 

Mettiamo il caso che il vostro orto o il giardino sia invaso dalla larva di grillotalpa: quali problemi si riscontrano? Innanzitutto, l’infestazione di questo insetto non avviene ovunque, perché predilige alcuni ambienti specifici, come anticipato nel paragrafo precedente. Il suo habitat naturale rimane sempre e comunque il suolo, ed è qui che trascorre praticamente tutta la sua vita, scavando buche, gallerie e fori molto lunghi e larghi. Ciò significa che, ragionevolmente, la parte delle piante che tendenzialmente viene danneggiata di più è la radice.

Infatti, durante la sua attività, il grillotalpa tende a erodere la parte sotterranea di tuberi, piante e ortaggi, causando danni alle specie vegetali molto ingenti. Pomodoro, patate, carote, peperoni e bietole sono il suo nettare preferito, sebbene non sia un fitofago a tutti gli effetti. In linea generale, un suo attacco si può notare con morsi all’apparato radicale delle piante e degli ortaggi, specie in quelli più giovani.

Ciò comporta che, impossibilitate dall’assorbimento di altre sostanze nutritive, le verdure rinsecchiscono irrimediabilmente. Insomma, immaginate quanti danni può provocare un insetto così piccolo a un orto ricco: praticamente sarà tutto ormai compromesso. Ma come fare a evitare o a limitare i problemi derivanti dall’azione del grillotalpa? Scopriamolo nel paragrafo successivo.

 

Come eliminare il grillotalpa dall’orto

Se siete giunti fin qui ragionevolmente avrete già in mente di che tipo di insetto stiamo parlando, e anche di quali sono i danni irrimediabili a cui si va incontro con il grillotalpa. Per queste ragioni risulta fondamentale comprendere quali sono i rimedi più efficaci, naturali e non, per prevenire il suo attacco. Lottare contro il grillotalpa può significare impiegare soluzioni come il posizionamento di esche naturali e avvelenate ai bordi dell’orto.

Per esempio, tagliando una bottiglia di plastica a metà e mettendoci dentro bucce di patate e di carote, riuscirete ad adescare il grillotalpa, che morirà. Dopodiché, dovrete bruciare tutti i resti e spargerli sul terreno, affinché gli altri insetti percepiscano il pericolo e non si avvicinino più. Se per voi sembra davvero complicato impiegare soluzioni del genere, allora date un’occhiata a prodotti come l’insetticida per grillotalpa. Si trovano facilmente in commercio e hanno un costo anche relativamente basso, sebbene sia da considerare il fatto che c’è il rischio di rovinare chimicamente la piantagione.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS