La cura delle piante prima di partire per le vacanze

Ultimo aggiornamento: 28.09.22

 

Cosa bisogna fare per evitare che al ritorno da un periodo di svago e riposo al mare, in montagna o nelle città d’arte troviate le piante appassite? Leggere i nostri consigli!

 

Soprattutto in estate ci sono due grosse piaghe: una è l’abbandono degli animali e l’altra è l’abbandono delle piante. Eh sì per qualcuno animali e piante sono un intralcio alla villeggiatura quindi meglio disfarsene. Nel primo caso le brave persone portano al mare o in montagna l’animale di compagnia ma nel secondo caso come si fa? Per quanto possiate tenere a cuore le vostre piante portarsele dietro non ci pare proprio il caso. Non disperate perché qualcosa per non trovare piante e fiori secchi al vostro ritorno si può fare, basta seguire i consigli che vi presentiamo di seguito.

Prima di partire

Il giorno prima di partire sistemate le vostre piante eliminando le foglie secche, tagliando i rami secchi e così via, in questo modo la pianta “respira di più”. Fatto ciò, con uno degli annaffiatoi più venduti, date acqua alle piante ma senza esagerare. Ripetete la somministrazione di acqua qualche ora dopo quando quella precedente è stata assorbita. Se resta acqua nei sottovasi, toglietela onde evitare che in vostra assenza le radici marciscano. Una cosa importante da non fare prima della partenza è concimare poiché stimolando la vegetazione si consuma più acqua.

 

Piante innaffiate in vostra assenza

Non crederete che dare acqua alle piante prima della partenza sia una condizione sufficiente alla loro sopravvivenza? Voi non mangiate e bevete tutti i giorni? Ecco, anche se per le piante non è richiesta acqua quotidiana, comunque non le si possono lasciare senza per troppo tempo. Ci sono dei sistemi “fai da te” che permettono di rifornire le piante d’acqua. 

Uno di questi consiste nel riempire una o più bottiglie di plastica (dipende dalle esigenze della pianta) e conficcare nel vaso a testa in giù. Prima, però, vanno praticati dei forellini nel tappo non troppo grandi. A tale scopo va benissimo conficcare nel tappo un ago rovente così che l’acqua possa scendere molto lentamente. 

Un’alternativa può essere un asciugamano inzuppato in acqua, magari tagliato a pezzi più piccoli e adagiati sul terriccio, intorno alla pianta. 

 

Le palline gel

Molto pratiche sono le palline in gel acquistabili presso negozi specializzati nella cura delle piante. Queste palline si lasciano in acqua poi di distribuiscono alle piante in modo che possano rilasciare lentamente il liquido. Volendo ci sono anche delle bottiglie contenenti gel che come visto nel precedente metodo fai da te, vanno conficcate a testa in giù nel terreno.

 

Il sole scotta

Evitate di lasciare le piante esposte al sole se non è possibile dare loro tutta l’acqua necessaria, se potete portatele in casa o mettetele all’ombra. Cercate di tenere le piante raggruppate in modo che rilascino più umidità nell’aria così da idratarsi a vicenda. In questo senso aiuta lasciare accanto una bacinella con acqua. 

 

Impianto di irrigazione con centralina

Se invece disponete di una centralina collegata a un impianto di irrigazione, avete risolto tutti i vostri problemi all’origine, vi basta programmarla e via. L’acqua verrà somministrata nei giorni scelti e per il tempo impostato.

Mantente rapporti di buon vicinato

Non avete la centralina e starete via per un mese perché le vacanze vi piacciono lunghe? Allora fate affidamento alla bontà e alla buona volontà di un vicino o di un parente che possa occuparsi di irrigare le piante. Chiaramente ciò richiede che ci siano rapporti di buon vicinato, dovete mettere in conto che potreste dover ricambiare il favore e non potrete sottrarvi. 

Inutile dire che al ritorno dalle vacanze non potrete presentarvi a mani vuote, perciò portate in dono al vostro vicino un souvenir o dei prodotti tipici del posto dove avete villeggiato. Seguendo questi consigli le vostre piante non appassiranno e vi regaleranno foglie verdi, rigogliose e tanti bei fiori con i loro profumi.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS