Hunter elc-601i – Recensione

Ultimo aggiornamento: 28.09.22

 

Principale vantaggio

La centralina costa poco e, proprio per tale ragione, molte persone hanno deciso di comprarla, ma va anche detto che è molto facile da usare e installare. Insomma queste motivazioni ci sembrano sufficienti a giustificare l’acquisto.

 

Principale svantaggio 

Noi qualche dubbio sui materiali, o meglio, sulla qualità dei materiali, lo abbiamo. Poi che i suddetti materiali siano sicuramente in linea con il prezzo di vendita della centralina, non ci piove. Scarsa attenzione è stata prestata al design che, a nostro avviso, è scialbo, spartano e pure un tantino triste.

 

Verdetto 9.6/10

Considerazioni sul design a parte (che per un articolo del genere lasciano il tempo che trovano), la centralina fa sicuramente bene il suo lavoro e aggiungendo una stazione meteo diventa ancora più performante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Disponibile a quattro o sei stazioni

La centralina Hunter si propone lo scopo di gestire con giudizio il consumo idrico. L’utente ha modo di scegliere tra il modello a sei stazioni oppure quello a quattro. Queste sono le uniche due differenze mentre per il resto è tutto identico indipendentemente dalla versione che deciderete di comprare. 

Una centralina del genere va bene tanto per giardini piccoli quanto per quelli di dimensioni medio grandi. Secondo noi è una buona centralina per irrigazione , molto semplice da usare. Impostare la programmazione non presenta la minima difficoltà: si usa un solo pulsante. Ci sono due programmi indipendenti, ciascuno di questi ha quattro partenze. 

Grazie al calendario elettronico si può scegliere tra l’irrigazione durante i giorni pari oppure quelli dispari. Insomma, c’è una buona libertà di gestione per soddisfare le diverse esigenze. Una cosa importante che ancora non abbiamo detto è che questa è una centralina da interno, dunque preoccupatevi di installarla in un luogo al riparo dalla pioggia onde evitare che l’acqua provochi danni che possono compromettere, anche irreparabilmente, il funzionamento.

 

Economica

La centralina Hunter non è affatto costosa e se non si hanno esigenze particolari come una programmazione più varie e performante può realmente rivelarsi un buon acquisto. Dobbiamo comunque dire che, se è vero che la pagate poco, è altrettanto vero che la qualità dei materiali rispecchia il prezzo di vendita. Le plastiche sono piuttosto cheap. 

La struttura, in generale, non ci ispira una gran fiducia, tuttavia precisiamo che noi non abbiamo notizie di problemi di danneggiamenti e malfunzionamenti. Non aspettatevi dei pulsanti touch, anzi, dobbiamo dire che lasciano abbastanza  a desiderare. Il display ricorda quello di una calcolatrice da pochi euro, anche se comunque risulta agevole da leggere e soprattutto chiaro, con tutte le indicazioni principali sulla parte frontale.

 

Design poco curato

Magari il design in una centralina è una questione secondaria, forse irrilevante per qualcuno. Tuttavia è innegabile che un oggetto bello attira l’attenzione più di uno brutto. In questo caso riteniamo di poter parlare di un design poco curato. 

L’aspetto della centralina di irrigazione è decisamente spartano e, diciamocela tutta, il grigio, colore dominante, mette anche una certa tristezza. Insomma, il biglietto da visita è tutt’altro che allettante. 

La centralina non è provvista di sensori meteorologici ma è comunque compatibile, dunque potete provvedere a dotare la Hunter di questo utile accessorio che vi permette di risparmiare di irrigare le piante in caso di precipitazioni. Per chi invece è interessato alla gestione da remoto mediante una app dedicata, deve necessariamente rivolgersi ad altri prodotti perché il modello in questione non dà tale possibilità.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS