Gli 8 Migliori Lumachicidi Del 2022

Ultimo aggiornamento: 06.10.22

 

Lumachicidi – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

Lumache e limacce rappresentano un vero e proprio incubo per gli amanti del giardinaggio perché, con la loro insaziabile voracità, provocano innumerevoli danni alle coltivazioni. Fortunatamente, il problema può essere risolto facilmente spargendo nell’orto delle apposite esche che, per le loro caratteristiche (odore, sapore e colore), sono in grado di attirare i molluschi e provocarne la dipartita nel giro di qualche ora. In questa guida abbiamo raccolto i prodotti più interessanti del mercato ma, prima di andare oltre, vi consigliamo di dare un’occhiata a Neudorf Ferramol, un lumachicida a base di fosfato ferrico che si dimostra efficace, stabile e soprattutto ecocompatibile. Anche il Protect Garden Mesurol M Plus è degno di nota, poiché resistente all’umidità e alla pioggia per garantire una prolungata durata d’azione.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori lumachicidi – Classifica 2022

 

Dopo questa breve anticipazione delle nostre preferenze, è arrivato il momento di presentarvi la classifica definitiva degli otto migliori lumachicidi del 2022, scelti dal nostro team di esperti tenendo conto dei pareri espressi dagli utenti e del rapporto qualità/prezzo messo in campo dalle aziende del settore. Ogni prodotto è accompagnato da una recensione che ne spiega le caratteristiche e gli eventuali difetti, mentre il link che segue ciascuna tabella di comparazione rimanda allo store online dove acquistare a prezzi bassi i molluschicidi più venduti e apprezzati del momento.

 

 

1. Neudorf Lumachicida Ferramol 33493

 

Neudorf è un’azienda tedesca che da anni opera con successo nel settore dei concimi agricoli e dei prodotti per la difesa delle piante, pertanto non è una sorpresa trovare al primo posto dei nostri consigli d’acquisto il suo lumachicida Ferramol. Si tratta di un prodotto naturale a base di fosfato ferrico e autorizzato in agricoltura biologica, che agisce selettivamente sui molluschi terrestri attirandoli verso l’esca grazie alla presenza di un additivo proteico ad alto potere attrattivo.

Una volta ingerita, la sostanza provoca l’inibizione dell’attività alimentare dei gasteropodi che smettono di nutrirsi delle piante e muoio nel giro di qualche ora. Inoltre, dal momento che il prodotto non provoca la disidratazione delle lumache, non si formeranno quelle fastidiose scie di bava lasciate normalmente dopo l’ingestione di fitosanitari formulati con metaldeide, evitando così ulteriori danni alle coltivazioni.

 

Pro

Biologico: Il principale vantaggio derivante dall’utilizzo del lumachicida Ferramol è il suo profilo eco-compatibile che ne permette l’impiego in agricoltura biologica.

Conveniente: Oltre a garantire risultati ottimali, si fa apprezzare anche per il prezzo vantaggioso a cui viene venduto il formato da due chilogrammi.

Nessuna scia: Dopo l’ingestione, il fosfato ferrico inibisce il processo nutritivo delle lumache che si allontaneranno dalle colture senza lasciare scie di bava che potrebbero danneggiare le piante e il suolo.

 

Contro

Serve tempo: L’unico punto debole del prodotto sono le tempistiche necessarie a sterminare l’intera popolazione infestante, un processo che potrebbe richiedere anche più di una settimana se nel giardino sono presenti tanti molluschi da eliminare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Protect Garden Esca Lumachicida Mesurol M Plus

 

Se volete risolvere il problema delle lumache in modo rapido ed efficace, la migliore marca su cui puntare è sicuramente Protect Graden, che con il suo lumachicida Mesurol M Plus ha permesso a tanti giardinieri e coltivatori di ritrovare la serenità perduta. Tuttavia, trattandosi di un prodotto a base di metaldeide, non lo consigliamo a chi vuole coltivare un orto biologico, ma bisogna anche dire che, rispettando il tempo di carenza riportato sulla confezione, non si correrà il rischio di portare in tavola verdure contaminate dalla sostanza attiva.

Inoltre, la resistenza delle esche all’acqua e alle intemperie ne mantiene intatta l’efficacia anche in caso di esposizione prolungata alla pioggia e all’umidità, mentre la presenza nella formula di benzoato di denatonio, una sostanza molto amara sgradita sia agli animali domestici sia ai bambini, riduce il rischio di ingestione accidentale con conseguente avvelenamento.

L’unico inconveniente è dato dalla necessità di dover rimuovere le carcasse delle lumache dal giardino visto che, dopo l’assunzione del veleno, si disidratano in pochi minuti senza avere il tempo di raggiungere un luogo appartato dove potersi rifugiare e morire.

 

Pro

Rapido: Il lumachicida Mesurol M Plus si pone come scelta d’elezione per chi vuole liberarsi di lumache e limacce velocemente e senza sforzo.

Rapporto prezzo/efficacia: Anche se sul mercato si possono trovare articoli simili a un prezzo più vantaggioso, riteniamo che l’efficacia del prodotto valga ogni centesimo speso per acquistarlo.

Resistente: Potrete posizionare le esche in qualsiasi punto del giardino o dell’orto senza temere che le intemperie o l’umidità ne compromettano l’efficacia.

 

Contro

Cadaveri: Dal momento che dopo l’ingestione le lumache non fanno in tempo a nascondersi prima di morire, vi toccherà rimuovere le carcasse dal vostro giardino per mantenerlo pulito.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Zapi Lumachicida Granulare Lumaplus

 

Dopo aver confrontato i prezzi e le caratteristiche dei migliori lumachicidi venduti online, ci è sembrato opportuno dare una chance anche alla proposta di Zapi, a cui abbiamo assegnato il terzo posto della nostra graduatoria, oltre che per il costo vantaggioso del formato da un chilo, anche per la buona efficacia dimostrata.

Il prodotto, infatti, si contraddistingue dagli altri per due qualità che strizzano l’occhio sia a chi non ha mai trafficato con fitofarmaci di questo tipo sia a quanti vogliono risolvere il problema delle infestazioni in modo rapido. 

In primo luogo, risulta facile da posizionare nei punti strategici del proprio giardino perché formulato in piccoli granuli che potrete distribuire a spaglio tra le piantine dell’orto o lungo il perimetro dell’area coltivata per creare una sorta di barriera che tenga i molluschi a debita distanza dalle colture. In secondo luogo, la sua formula è studiata per resistere alle piogge e all’umidità, garantendo pertanto diversi giorni di protezione all’orto anche a seguito di una prolungata esposizione alle intemperie.

 

Pro

Rapidità: Il lumachicida Zapi agisce in modo estremamente veloce, debellando il problema alla radice e uccidendo tutti i gasteropodi in poche ore.

Sicuro: Nella formula del prodotto è presente anche un amaricante che conferisce alle esche un sapore sgradito agli animali domestici e ai bambini.

Pratico: Il pratico formato in granuli permette di posizionare le esche senza difficoltà dove necessario.

 

Contro

Inquinante: Essendo la metaldeide una sostanza potenzialmente tossica per le piante, si dovranno adottare le dovute precauzioni per evitare che inquini il terreno e, di conseguenza, anche le verdure coltivate.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Adama Lumachicida in Grani Metaldeide

 

Se cercate una soluzione pratica ed efficace per sterminare lumache e limacce che infestano il vostro orto, ma senza spendere un occhio della testa, il molluschicida in grani di Adama merita un attimo della vostra attenzione.

Venduto in una confezione da cinque chilogrammi, permette di trattare anche aree particolarmente estese con un notevole risparmio di tempo e denaro. Non a caso, il principale asso nella manica del prodotto, oltre al prezzo vantaggioso, è la sua notevole rapidità d’azione, dovuta alla presenza nella formula della metaldeide che, nel giro di poche ore, provoca la disidratazione e la conseguente morte dei molluschi.

Tuttavia, si raccomanda di prestare la massima attenzione se si hanno animali domestici che scorrazzano liberamente in giardino poiché, in caso di ingestione accidentale, potrebbero accusare i tipici sintomi dell’avvelenamento, nel qual caso sarà necessario recarsi d’urgenza presso una struttura veterinaria per evitare complicazioni.

 

Pro

Formato: Il punto forte della proposta di Adama è sicuramente la convenienza, visto che la confezione da cinque chilogrammi viene proposta a un prezzo più conveniente rispetto ai principali competitor.

Praticità: La confezione è dotata di un pratico sistema a chiusura ermetica che permette di preservare al meglio il contenuto dopo l’apertura.

Efficace: A seguito dell’ingestione del veleno, i molluschi muoiono nel giro di poche ore senza dover reiterare eccessivamente le applicazioni.

 

Contro

Animali: Dal momento che il prodotto non contiene alcuna sostanza amaricante, raccomandiamo la massima prudenza durante l’uso e il posizionamento delle esche per evitare che cani e gatti le ingeriscano.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Fer Compo Bio Lumachicida Biologico PFnPE

 

Se l’idea di utilizzare la metaldeide non vi va giù, in commercio esistono anche dei lumachicidi biologici del tutto simili ai fitofarmaci tossici sia nell’aspetto sia nell’efficacia, ma meno dannosi per l’ambiente e la salute. Tra questi il migliore è sicuramente quello commercializzato dalla ditta tedesca Fer Compo Bio, venduto in confezione da 500 grammi a un prezzo, non proprio popolare, ma comunque proporzionato alla buona qualità complessiva.

Formulato con una sostanza attiva di origine naturale, non ha alcuna azione fitotossica nei confronti di piante e insetti benefici (coccinelle, api e lombrichi), per cui può essere impiegato in tutta sicurezza senza temere alcun effetto collaterale.

Inoltre, se l’esca non viene ingerita dai gasteropodi, dopo qualche tempo si decompone trasformandosi in nutrimento per le colture, mantenendole sane e rigogliose. Giudizi positivi anche in merito alla resistenza del prodotto alla pioggia e all’umidità, così da poterlo posizionare anche in luoghi particolarmente umidi o esposti alle intemperie senza pericolo che perda di efficacia.

 

Pro

Biologico: Il lumachicida Fer Compo Bio è formulato con un principio attivo di origine naturale consentito in agricoltura biologica perché non tossico per la fauna locale e gli animali domestici.

Resistente: Le esche non si sciolgono a contatto con l’acqua, il che ne impedisce il rapido deterioramento anche in caso di esposizione prolungata alle intemperie.

Corroborante: I granuli che non vengono ingeriti dai gasteropodi si degradano naturalmente nel terreno, trasformandosi in fertilizzante.

 

Contro

Tempistiche: Visto che i molluschicidi biologici inibiscono dell’attività alimentare delle lumache, bisognerà attendere qualche giorno per riscontrare i primi risultati.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Bioki Lumachicida Naturale Ad Azione Disidratante

 

Se siete giunti fin qui e non sapete ancora quale lumachicida comprare, potreste prendere in considerazione la proposta di Bioki. Si tratta di un minerale in granuli a base di sepiolite che si propone di allontanare in maniera naturale lumache e limacce dalle piante per limitare i danni che la loro ingordigia provoca alle colture dell’orto.

Il meccanismo d’azione del preparato è molto semplice ma efficace, poiché va a creare una sorta di barriera protettiva che sottrae l’acqua dal terreno per rende l’ambiente poco gradito ai molluschi, in modo da farli allontanare dall’area trattata.

Non si tratta, dunque, di un vero e proprio lumachicida ma di un semplice repellente che respinge le lumache dal luogo in cui il prodotto è stato distribuito per impedire che divorino insalate e ortaggi. Al termine del periodo di protezione sarà sufficiente fresare i granuli nel terreno per favorirne la rapida degradazione senza avvelenare il suolo.

 

Pro

Naturale: A differenza delle altre offerte esaminate finora, quella di Bioki è la più rispettosa dell’ambiente e della salute umana perché formulata esclusivamente con sepiolite di origine minerale.

Repellente: Una volta distribuito nell’area di interesse, il composto crea un ambiente secco che terrà a debita distanza le lumache senza eliminarle.

Nessun residuo: Trattandosi di un prodotto completamente naturale, non ha tempi di carenza e si può spargere anche in prossimità degli ortaggi senza pericolo che vengano contaminati.

 

Contro

Ci vuole costanza: Dal momento che il repellente non uccide le lumache ma le allontana semplicemente dall’orto, per essere certi che il problema non si ripresenti sarà necessario reiterare l’applicazione durante tutto il periodo primaverile e autunnale, soprattutto dopo le piogge.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Verdemax Trappola Per Lumache Mod.4528

 

Per eliminare le lumache in modo biologico e senza disperdere sostanze potenzialmente nocive nel terreno, si possono utilizzare delle apposite trappole per risolvere il problema in maniera ecologica e sicura.

A tal proposito, una buona soluzione è sicuramente il prodotto di Verdemax, realizzato in solido materiale plastico per sopportare senza problemi le sollecitazioni intense e l’azione delle intemperie. Per adescare i molluschi basterà riempire il contenitore per almeno ¾ con della birra, meglio se scaduta o sgasata perché tanto le lumache non sono schizzinose come i sommelier.

Una volta allestita la trappola, i gasteropodi verranno attratti dall’odore della bevanda e, nel cercare di raggiungerla, finiranno per annegare nel liquido. Inoltre, il coperchio di cui è provvista la struttura evita che la pioggia faccia fuoriuscire la birra o la diluisca troppo, permettendo alla trappola di funzionare anche dopo le precipitazioni, che sono i momenti in cui la maggior parte delle lumache escono allo scoperto per via dell’umidità diffusa.

 

Pro

Materiali: La trappola per lumache Verdemax è realizzata in plastica di buona qualità che la rende estremamente solida e resistente alle intemperie.

Coperchio: La copertura a ombrello protegge il contenuto dalla pioggia, impedendo fastidiose fuoriuscite causate dall’acqua.

Conveniente: Oltre a rivelarsi utile nella lotta contro limacce e chiocciole, senza ricorrere a sostanze potenzialmente nocive, vanta un design estremamente compatto e funzionale che punta a una maggiore comodità di posizionamento per l’utente.

 

Contro

Prezzo: Anche se la confezione comprende due pezzi restiamo comunque titubanti sul costo, che appare più elevato rispetto alla media di mercato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Gardigo Set da Quattro Trappole per Lumache

 

La nostra guida su come scegliere un buon lumachicida si conclude con il nuovo set da quattro trappole per lumache proposto da Gardigo, che si pone come soluzione ideale per chi vuole proteggere il proprio spazio verde da queste appiccicose pesti ma senza spendere una fortuna.

Anche in questo caso l’utilizzo è abbastanza semplice, poiché basta inserire un’esca in grani nella trappola (o anche della birra) e posizionarla in prossimità di ortaggi, cespugli ed erba alta per fare in modo che i molluschi ci finiscano dentro.

Il prodotto si rivela anche molto pratico da svuotare perché dotato di una tettoia removibile che permette di accedere facilmente al contenitore per pulirlo e rimuovere le carcasse accumulate, mentre la struttura ben bilanciata in funzione al peso e alle dimensioni complessive impedisce che il recipiente si rovesci in caso di forte vento.

 

Pro

Qualità/prezzo: Nonostante il prezzo economico a cui viene venduto il set da quattro pezzi, l’azienda non ha lesinato sulla qualità costruttiva delle trappole, che si sono dimostrate molto resistenti all’usura e alle intemperie.

Pulizia: Il coperchio rimovibile permette di accedere in modo agevole al contenitore per svuotarlo e pulirlo senza sforzo.

Facile da usare: Una volta posizionato nel punto giusto, basterà inserire l’esca all’interno del recipiente e attendere che le lumache ci entrino dentro per cibarsene.

 

Contro

Nessuno: Il prodotto non presenta particolari svantaggi né difetti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un lumachicida

 

Con l’appropinquarsi della primavera occorre prestare molta attenzione a tutti quei microrganismi infestanti che possono colpire e rovinare le nostre coltivazioni. Tra questi rientrano anche lumache e limacce, che escono allo scoperto con l’aumento dell’umidità ambientale per nutrirsi di tessuti vegetali teneri e succosi, lasciando al loro passaggio grandi fori in foglie, frutti e gambi. Scopriamo insieme come inibire in maniera efficace la propagazione di questi piccoli gasteropodi.

Classificazione dei lumachicidi

I lumachicidi sono presidi fitosanitari che appartengono alla categoria degli antiparassitari insieme a insetticidi, acaricidi, anticrittogamici, larvicidi e disinfettanti. A differenza degli altri agrofarmaci, agiscono contro i molluschi fitofagi principalmente per contatto, ingestione oppure asfissia, e vengono venduti in genere sotto forma di esche, pellet o granuli. Questi prodotti vengono solitamente impiegati in agricoltura e nel giardinaggio fai da te al fine di controllare i parassiti gasteropodi (limacce, lumache e chiocciole) che danneggiano i raccolti cibandosi delle foglie delle piante.

Le principali sostanze impiegate come molluschicidi si dividono in tre categorie: (1) la metaldeide, una sostanza potenzialmente tossica per gli animali domestici e la vegetazione, ma in grado di agire abbastanza rapidamente quando viene ingerita dai molluschi; (2) i sali organici, come il fosfato di ferro, il solfato di alluminio e il sodio ferrico, che non hanno alcuna azione fitotossica nei confronti degli insetti benefici e delle coltivazioni, tanto è vero che sono ammessi anche in agricoltura biologica; (3) gli inibitori della colinesterasi che sfruttano delle potenti neurotossine, altamente tossiche per altri animali e per l’uomo, che agiscono come veleno da contatto.

 

Metaldeide: una soluzione efficace da usare con cautela

Tra i molluschicidi più diffusi in commercio, grande successo riscuotono i prodotti a base di metaldeide, in quanto composto chimico molto efficace nella lotta contro lumache e limacce. Oltre che per la spiccata rapidità d’azione, dovuta al fatto che i molluschi muoio dopo poche ore dall’ingestione del veleno, questo fitosanitario si fa apprezzare perché formulato con delle farine proteiche studiate appositamente per attrarre i gasteropodi e indurli a mangiare i granuli, garantendo quindi ottimi risultati a fronte di una spesa davvero irrisoria.

La formula di questi lumachicidi è, inoltre, resistente alle piogge e all’umidità per prolungare il tempo di permanenza delle esche nel proprio orto, ma possono costituire un serio pericolo per gli animali domestici e la vegetazione perché potenzialmente tossici.

Proprio per questo motivo, il loro utilizzo in agricoltura biologica non è permesso e, in generale, andrebbe evitato per ragioni di buon senso. Se proprio volete utilizzarlo per una questione di efficacia e risparmio economico, vi suggeriamo di prestare attenzione a dove andrete a posizionare i granuli per evitare che gli animali da compagnia li mangino incuriositi dall’odore o dal colore, oltre a rispettare rigorosamente il tempo di carenza riportato sulla confezione prima della raccolta degli ortaggi per evitare che di portare in tavola verdure non propriamente salutari.

Metodi biologici

Due dei migliori lumachicidi organici per la lotta biologica contro lumache e limacce sono il fosfato di ferro e la sepiolite, che risultano innocui sia per gli esseri umani sia per gli animali d’affezione, oltre a non comportare danni per l’interno ecosistema dell’orto o del giardino.

Il primo agisce selettivamente sui molluschi terrestri e, una volta ingerito, provoca l’inibizione dell’attività alimentare delle lumache che smettono di nutrirsi della vegetazione e muoiono dopo qualche ora. Il prodotto si può quindi usare in tutta sicurezza anche nelle immediate vicinanze delle piante commestibili fino al giorno stesso della raccolta, anche perché le esce che non vengono mangiate dai gasteropodi si deteriorano dopo qualche tempo trasformandosi in fertilizzante.

La sepiolite, invece, funziona come un tradizionale repellente perché, assorbendo una grandissima quantità di acqua dal terreno, creano un ambiente secco non particolarmente gradito alle lumache. Pertanto, spargendo la sostanza a mo di barriera intorno all’orto o alle piante che si vogliono proteggere, i molluschi non riusciranno a oltrepassarla proprio per l’impossibilità di poter strisciare sulle aree molto asciutte.

Lo svantaggio di entrambe le soluzioni è sicuramente rappresentato dal costo più elevato rispetto ai fitosanitari a base di metaldeide, ma se si vuole salvaguardare l’ambiente e la salute sono prodotti da prendere in seria considerazione.

 

 

 

Dieci rimedi naturali per eliminare le lumache da orto e giardino

 

Lumache e limacce sono sempre state il cruccio di giardinieri e coltivatori. Fortunatamente, nel corso degli anni sono stati messi a punto nuovi metodi per rimuovere questa appiccicosa peste da orti e giardini in modo sostenibile. Vediamo quali sono.

1.Raccolta manuale

A dispetto di quanto si possa pensare, il metodo più economico e meno invasivo per sbarazzarsi delle lumache è la raccolta manuale: rimuovendo gli adulti prima della riproduzione eviterete che il problema degeneri drasticamente. Certo è più faticoso, ma una volta raccolti tutti i molluschi (magari riponendoli in un contenitore e liberandoli in aperta campagna) non sarete costretti a ucciderli per evitare che rovinino le vostre coltivazioni.

 

2. Trappole per lumache

L’obiettivo delle trappole è indurre lumache e limacce a uscire dalle aiuole per rifugiarsi in quello che, ai loro occhi, appare un porto sicuro, meglio ancora se al suo interno troveranno delle foglie di cavolo o altre verdure di cui vanno ghiotte. Anche in questo caso, vi suggeriamo di svuotare il contenitore in un luogo isolato per non doverle sterminare.

 

3. Birra, lievito e miele

Dal momento che i gasteropodi sono attratti dall’odore di birra stantia, lievito e miele, vi basterà versare uno di questi ingredienti in un contenitore alto e capiente per fare in modo che le lumache ci finiscano dentro.

 

4. Crocchette per cani e gatti

Un’altra strategia per allontanare chiocciole e limacce dalle vostre piante è posizionare del cibo secco per cani o gatti a qualche metro di distanza dall’orto. Vi basterà mettere le crocchette su un vassoio e attendere che la trappola faccia il suo dovere, ma fate attenzione che il vostro cane non se la pappi tutte prima delle lumache.

 

5. Rame

Le lumache non amano particolarmente il rame, il cui contatto provoca loro una lieve scossa elettrica. Pertanto, per tenerle a debita distanza dal vostro orto senza ucciderle, vi basterà posizionare degli oggetti fatti di questo materiale intorno alle piante che volete proteggere.

 

6. Materiali ruvidi

Anche creare una superficie ruvida con gusci d’uovo, cenere, carta abrasiva e segatura intorno alle coltivazioni funziona bene come barriera contro le lumache, che non verranno uccise ma solo rallentate.

 

7. Predatori naturali

Se volete sbarazzarvi dei gasteropodi in modo sostenibile, una buona soluzione potrebbe essere quella di allevare nel vostro spazio verde i loro predatori naturali, ossia tartarughe, anatre, opossum, polli e alcuni uccelli. Ovviamente si tratta di una strategia attuabile solo da chi vive in zone rurali o in campagna.

 

8. Fosfato di ferro

Oltre a essere un composto organico già presente in natura nel suolo, il fosfato di ferro è un ottimo lumachicida naturale e quando non viene ingerito dalle lumache si decompone e diventa un fertilizzante.

9. Aceto

Se volete realizzare un buon repellente per lumache fai da te, vi basterà mescolare acqua e aceto in parti uguali e spruzzare la miscela su foglie e piante per far allontanare i molluschi.

 

10. Erbe aromatiche

Infine, ci sono alcune piante aromatiche, come la menta e la salvia, che hanno un forte potere repellente nei confronti delle lumache. Pertanto, se volete sbarazzarvene in modo sostenibile, vi basterà piantare queste erbe vicino agli ortaggi presi di mira dai gasteropodi per risolvere il problema in maniera del tutto naturale, senza contare che potrete utilizzare le spezie coltivate per arricchire le vostre ricette.

 

 

 

Domande Frequenti

 

Come si usa il lumachicida?

I lumachicidi sono abbastanza semplici da utilizzare poiché basta distribuire i granuli a spaglio nell’area da trattare per fare in modo che i gasteropodi vengano attratti dall’esca e la mangino, cosa che nel giro di qualche ora ne provocherà la dipartita.

Come funziona il lumachicida?

Dipende dal tipo di prodotto: le esche a base di metaldeide – un composto chimico dall’elevata tossicità – disidratano lumache e limacce abbastanza rapidamente portandole alla morte, mentre i lumachicidi biologici formulati con fosfato ferrico colpiscono l’apparato nutritivo dei molluschi, inibendone la fame e allontanandoli di conseguenza dalle colture.

 

Cosa fare se avvelenano il cane con il lumachicida?

Dal momento che l’ingestione di metaldeide è potenzialmente letale per gli animali domestici, qualora si noti uno dei sintomi tipici dell’avvelenamento (nausea, ipersalivazione, vomito, spasmi e convulsioni), occorrerà recarsi tempestivamente presso una struttura veterinaria per far espellere la sostanza tossica mediante lavanda gastrica o vomito indotto.

 

Cos’è il periodo di carenza riportato sulle confezioni dei lumachicidi?

Il tempo di carenza (o intervallo di sicurezza) è il numero di giorni che deve intercorrere tra l’uso di un lumachicida e il consumo dei prodotti agricoli per avere la certezza che le verdure portate in tavola non siano contaminate dalla sostanza attiva.

 

Quali sono i lumachicidi ammessi in agricoltura biologica?

Sicuramente non quelli a base di metaldeide, poiché si tratta di una sostanza altamente inquinante che avvelena sia le verdure coltivate – perché viene assorbita dal terreno in caso di pioggia – sia per gli animali che la ingeriscono.

Un’alternativa sicura e biologica a questo tipo di esche sono i lumachicidi formulati con fosfato ferrico che, una volta ingerito, provoca dapprima l’inibizione dell’attività alimentare e dopo qualche ora la morte delle lumache. Inoltre, la degradazione nel suolo delle esche non consumate produce dei microelementi nutritivi utili alle piante, fertilizzando il terreno di coltura.

 

Quando usare un lumachicida?

Chiocciole e limacce sono solite approfittare delle ore notturne per nutrirsi e, in genere, fanno la loro comparsa non appena il clima esterno diventa più umido. Tenendo conto di ciò, vien da sé che il momento ideale per usare il miglior lumachicida sia nei mesi primaverili e a inizio autunno, quando cioè le temperature sono più miti e le piogge abbastanza frequenti.

Come si distribuisce il lumachicida?

A seconda dell’entità del problema, si possono sfruttare tre diversi metodi di applicazione: (1) formare dei mucchietti qua e là a scopo preventivo; (2) distribuire il prodotto a spaglio tra le piante dell’orto o nelle aiuole quando le lumache sono già a lavoro; (3) posizionare le esche lungo il perimetro dell’area coltivata per creare una sorta di barriera che tenga i molluschi a debita distanza dalle colture.

 

Quanto lumachicida usare?

La quantità da impiegare varia a seconda dei casi: nella distribuzione a spaglio si consiglia di utilizzare dai 4 ai 5 grammi di prodotto a ogni applicazione, mentre se si vuole formare una barriera protettiva intorno all’orto ne occorreranno all’incirca 25 grammi per coprire un’area di 100 metri quadri.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS